Il weekend di Pasqua è uno dei momenti migliori per visitare Ischia, questo perché l’isola
accoglie tante processioni e tradizioni e diventa ancora più affascinante per i viaggiatori. Oltre
alle commemorazioni sacre ci sono anche tante feste profane, un’accoppiata incredibile che
conferma la sua eclettica.

La corsa dell’Angelo a Forio e Lacco Ameno: la tradizione pasquale

Pasqua è un momento in cui l’isola d’Ischia si appresta ad ospitare cittadini e turisti in
occasione di uno degli eventi più suggestivi della tradizione, la corsa dell’angelo. L’antica
confraternita di Santa Maria Visitapoveri mette in scena questo percorso religioso a Forio. La
sua storia è molto antica, risalente addirittura al 1618.
Una rappresentazione sacra che ha un valore sentimentale e ripercorre idealmente il Natale (quindi la nascita), la Passione (quindi la morte) ed infine la Resurrezione (momento culminante della corsa). In questa commemorazione ci sono quattro protagonisti religiosi che vengono rappresentati attraverso delle statue di legno realizzate dallo scultore Mollica. La processione tocca varie zone della città, tra Corso Verde e
Corso Regine si svolge la parte più importante dell’intera manifestazione che poi prosegue nelle
vie principali di Forio. Sulla melodia dei canti, le statue avanzano velocemente, quasi a simulare
una corsa.
La Madonna però ha il volto coperto e così resta fino all’arrivo in Piazza Vico dove viene poi liberata. Al termine della cerimonia i cittadini fanno cadere dal balcone i coriandoli e le campane della chiesa suonano a festa. La statua di Giovanni torna indietro, quella dell’Angelo continua la sua corsa. Durante la cerimonia lo stendardo deve quasi toccare terra, sfiorandola appena. Si tratta di un’usanza molto complessa, con tanto di inchini, è un inno alla vita e ovviamente alla religione. Al termine, quando tutte le statue sono riunite, la chiesa viene
illuminata. La tradizionale processione di Pasqua si tiene sempre al mattino.
La tradizione Pasquale di Lacco Ameno riproduce il medesimo evento, la corsa si svolge
sempre la domenica di Pasqua. Ci si riunisce in Piazza S. Restituta alle 12 e da qui partono le
statue. In questo modo si da annuncio della resurrezione di Cristo in un percorso che prevede
sempre tre corse e tre inchini per l’Angelo e la Vergine. Questi rappresentano infatti la
permanenza di Gesù prima della sua resurrezione. La tradizione è la stessa ma avviene in punti
differenti dell’Isola dell’Ischia.
I due eventi radunano tutta la cittadinanza, per partecipare è necessario trovarsi di buon mattino
per non perdere nessuna parte della commemorazione. Trattandosi di un giorno di festa è
consigliabile ovviamente utilizzare un mezzo proprio, che può comodamente essere noleggiato,
per ottimizzare i tempi di spostamento e raggiungere il centro senza difficoltà organizzative.

Cosa fare il giorno di Pasqua sull’Isola dell’Ischia

Una delle cose più belle da fare a Ischia nel periodo pasquale è una passeggiata lungo il corso.
In questo periodo la temperatura è gradevole ed è bello poter ammirare le vetrine mentre si
gusta un ottimo gelato artigianale locale su via Roma. Chi cerca idee per decidere cosa fare a
Ischia a Pasqua, certamente non può dimenticare di visitare i negozi di Ischia porto, qui ci sono
tantissime boutique ma anche negozietti introvabili dove è possibile fare shopping. Un momento
di relax che può essere il tripudio dopo un ottimo pranzo pasquale a base di specialità ischitane.
Chi visita Ischia non può infatti sottrarsi alle sue delizie gastronomiche che sono motivo di vanto
in tutto il mondo. Per coloro che vogliono godere del puro relax sono poi disponibili sempre cure
termali nei vari parchi ed hotel, un modo perfetto per prepararsi ai festeggiamenti del lunedì.

Lunedì di Pasquetta a Ischia: gli imperdibili

L’idea migliore per trascorrere la giornata di Pasquetta a Ischia è ovviamente dedicarsi a visitare la spiaggia dei Maronti. Questa è una delle più importanti dell’Isola ma anche una delle
cave con il mare più bello di tutta Italia. Si estende per 3 km ed è quindi piuttosto spaziosa per
organizzare una piccola gita di gruppo, con la famiglia o gli amici, è un’ottima idea preparare un
leggero pranzo al sacco e andare a prendere il sole sulla costa. La strada per raggiungerla è
panoramica, ma richiede ovviamente l’utilizzo di un mezzo proprio, nelle giornate di sole l’ideale
è noleggiare uno scooter perché il vento tra i capelli e il mare che illumina la giornata è
veramente il massimo. Una volta giunti ci sono dei parcheggi custoditi molto comodi, per
motorini, moto e automobili.
Chi invece ama trascorrere la Pasquetta in collina può visitare il Monte Rotaro e il Bosco della
Maddalena. Un’oasi naturale spettacolare, polmone verde dell’Isola, che si estende per oltre
450.000 metri quadri e comprende una bellissima pineta. Fare un’escursione nel verde è forse
una delle idee più belle per festeggiare il lunedì dopo le abbuffate pasquali. La vista è
spettacolare sul porto ma anche sull’isola di Procida. Per arrivare con la propria auto è possibile
salire e arrivare all’ingresso dove si trova il Cratere. Da qui bisogna continuare a piedi per
arrivare al Monte. Si tratta di una bella salita ma ne vale assolutamente la pena, la vista dal
punto più alto è in grado di lasciare senza parole.
Chi ama le aree boschive invece deve visitare assolutamente il Bosco dei Frassitelli, un posto
da fiaba, per alcuni la via più bella di tutta l’Isola d’Ischia. Questa è una delle vie che permette
di arrivare alla Falanga, un bosco con castagni che sorge ad occidente del Monte Epomeo.
Questa zona in passato veniva utilizzata per le pecore e le capre. Per arrivare in auto è
possibile seguire le indicazioni nei pressi del cimitero, una volta giunti all’ingresso bisogna
lasciare il proprio mezzo e proseguire a piedi. Il sentiero è rurale ma è comunque spettacolare e
una volta arrivati in cima si vede un panorama che non ha eguali.
Queste aree offrono sempre zone di sosta per auto e moto, questa è la scelta migliore perché i
percorsi sono in salita e raggiungerli a piedi è troppo faticoso. Non ci sono dei bus che fermano
nei pressi e quindi è necessario utilizzare un mezzo proprio per poter raggiungere i punti più
interessanti. Per ottimizzare i tempi e gli spostamenti è quindi buona idea dotarsi almeno di uno
scooter per potersi spostare rapidamente. Chi è in gruppo invece può valutare una vettura
spaziosa per organizzare una bella gita di Pasquetta.

Spread The Love
Categorie: Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »